Una festa della scienza, dei suoi luoghi e dei suoi protagonisti.

Genius Loci, in un corto circuito tra l’espressione latina, il saggio omonimo di Norberg-Schulz, pietra miliare sullo studio della città, e la parola inglese “genius”, è il festival che fa scoprire a romani e turisti dove abita il “genio”, per trovare a Roma uno “spirito del luogo” fino ad oggi poco raccontato, quello di Capitale della scienza e della ricerca.

11 partner scientifici, e 7 partner divulgativi per sperimentare nuove modalità di scoperta e avvicinamento al mondo della scienza.
Apertura di 10 edifici speciali sia per le loro caratteristiche architettoniche sia perché luoghi di ricerca scientifica, come l’Agenzia Spaziale Italiana, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, La Redazione del National Geographic Italia, il Consiglio Nazionale delle Ricerche, la Fondazione GIMEMA all’ex Pastificio Pantanella.
4 esplorazioni urbane per scoprire i luoghi della città che raccontano la storia scientifica della Capitale, dalla scoperta delle tracce del leggendario Orologio di Augusto fino alla vicenda dei “ragazzi di via Panisperna”.
Workshop nelle scuole. Il primo, “Rappando come Einstein. Le STEAM in 16 barre” è rivolto agli studenti delle scuole secondarie ed ha come focus le materie STEAM (Science, Technology, Engineering, Art and Mathematic). Gli studenti si cimenteranno nella scrittura di un testo rap e i vincitori del “Disco d’oro Genius Loci” lo presenteranno in una puntata speciale su Radio Kaos. Il secondo workshop “Coding e Robotica, un gioco da ragazzi!” è rivolto alle scuole primarie e permetterà ai bambini di cimentarsi con la programmazione di un piccolo robot.
Uno spettacolo ironico e dissacrante realizzato in collaborazione con La Scienza Coatta dal titolo “SPQR – Scienziati Persi Questi Romani” per ripercorrere attraverso meme, letture, video e immagini la storia che lega la città di Roma alla scienza.

 

2 Prossimi eventi

Ordina per

17, 19, 25, 26 maggio 2019
Passeggiate urbane per scoprire la scienza tra le strade della città
In collaborazione con La Scienza Coatta, UrbanExperience, IRCCS L. Spallanzani