Visite, laboratori e lezioni a cura e con la collaborazione, tra gli altri, di Chiara Agrati, Veronica Bordoni, Rita Casetti, Eleonora Cimini, Concetta Castilletti, Francesca Colavita, Licia Bordi ed Eleonora Lalle.

In programma:
ore 9.00 visita didattica all’Inmi Spallazani e visita alla postazioni di Radiologia: “Non solo raggi X: viaggio nel corpo umano”
ore 10.00 laboratorio LAVORARE CON I VIRUS LETALI. COME CI DIFENDIAMO?
ore 11.00 visita didattica all’Inmi Spallazani e laboratorio al microscopio OLTRE 10.000X: VIAGGIO DENTRO LA CELLULA
ore 13.00 visita didattica all’Inmi Spallanzani e lezione sperimentale “Trapianto di fegato; semplice e difficile come un Pit Stop in F1”
ore 15.00 visita didattica all’inmi spallanzani con riflessioni PARLIAMO DEI VACCINI

 

LAVORARE CON I VIRUS LETALI. COME CI DIFENDIAMO? – LABORATORIO
L’attività sarà incentrata sui rischi di chi lavora con virus letali. Nell’introduzione teorica, i ragazzi impareranno a riconoscere e gestire il rischio, come si classificano i virus sulla base della loro pericolosità, quali strumenti abbiamo per proteggerci e quanto sia importante che gli operatori conoscano a fondo il rischio a cui vanno incontro per scegliere adeguatamente le procedure da seguire.
Nella parte pratica, i ragazzi sperimenteranno le procedure di vestizione e svestizione utilizzando i dispositivi adatti per la manipolazione di virus letali e proveranno in prima persona a lavorare con cappe di classe III.

NON SOLO RAGGI X: VIAGGIO NEL CORPO UMANO – VISITA GUIDATA
La Radiologia è un una scienza che nasce dall’incontro “magico” tra la
medicina e la fisica , che permette di esplorare il corpo umano in tutti i suoi dettagli: impiega radiazioni ionizzanti (RX) , onde ultrasoniche (ecografia), campi magnetici e radiofrequenze (Risonanza Magnetica) che interagendo con i tessuti, ne descrivono le caratteristiche identificando strutture sane e malate. Una immagine diagnostica è simile ad una mappa, custodisce e trasmette informazioni in codice che possono essere decodificate solo da personale specializzato. Il radiologo vede, riconosce e collega i segnali contenuti nella “mappa” per immagini, fino ad arrivare alla diagnosi.
Il servizio di Diagnostica per Immagine dell’Istituto L. Spallanzani apre le porte a visite programmate alla scoperta delle tecnologie in dotazione all’ospedale Spallanzani, come la Tomografia Computerizzata (TAC), l’Ecografia, la Risonanza Magnetica (RM) e la Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC). In questo affascinante viaggio nel corpo umano i visitatori guidati dal personale dell’Istituto potranno utilizzare le postazioni di lavoro e “navigare” nel corpo umano utilizzando immagini 2D, costruire immagini 3D, applicare la intelligenza artificiale nella diagnosi e molto altro.

OLTRE 10.000X: VIAGGIO DENTRO LA CELLULA – LABORATORIO
La microscopia elettronica è parte integrante e fondamentale nella diagnostica delle malattie infettive. Il microscopio elettronico è stato a lungo utilizzato nella scoperta e descrizione delle malattie infettive, in particolare nei casi in cui gli agenti sono sconosciuti o insospettabili. In particolare la Microscopia Elettronica è stata fondamentale nell’identificazione del primo focolaio del virus Ebola in Zaire nel 1976. Presso l’INMI Lazzaro Spallanzani è presente un centro di diagnostica ultrastrutturale d’eccellenza. Oltre all’uso diagnostico, il centro si occupa in particolare di ricerca. L’apporto della microscopia elettronica è infatti importantissimo nel chiarire la funzione dei vari componenti virali e nello studio dell’interazione ospite-parassita, utili ai fine di trovare una terapia farmacologica efficace.

TRAPIANTO DI FEGATO; SEMPLICE E DIFFICILE COME UN PIT STOP IN F1
LEZIONE SPERIMENTALE
I Trapianti sono una storia di successo del nostro Paese. Solo un sistema coordinato nei minimi dettagli consente un accesso tempestivo e l’impiego ottimale degli organi. Un video mostrerà le procedure di trasporto degli organi. Verrà illustrata la macchina organizzativa del trapianto dal momento in cui l’equipe chirurgica si reca nel centro clinico per effettuare l’espianto degli organi fino al momento del reimpianto nel paziente ricevente in lista.
Tutto deve funzionare come in un box di formula1. Ognuno deve sapere che cosa e quando farla. I riceventi debbono essere stati valutati anche per i rischi infettivi e per questi rischi monitorati a lungo termine. Verrà commentato un video di una ripresa durante un trapianto. Con linguaggio semplice e comprensibile verranno illustrate le principali difficoltà di carattere tecnico e gestionale durante la fase del reimpianto del fegato nel ricevente.
I rischi infettivi dei trapianto e le possibilità di trattamento delle epatiti virali.

PARLIAMO DEI VACCINI – INCONTRO
Fino a pochi anni fa i vaccini sono stati costituiti da una piccolissima quantità di microrganismi (virus o batteri) uccisi o attenuati, o da una parte di essi, progettati in modo da stimolare nel corpo la naturale reazione immunitaria.
I vaccini usano il meccanismo naturale di difesa del corpo – il sistema immunitario – per costruire una specifica resistenza alle infezioni.
Questa difesa immunitaria, simile a quella che è provocata dalla malattia, protegge dall’attacco dei microrganismi presenti nell’ambiente e nelle persone della comunità, senza che si sviluppino i sintomi e le complicanze della malattia.
I vaccini di ultima generazione sono ancora più evoluti. Non si tratta di virus disattivati ma sono costituiti solo dal loro “involucro”, ovvero una o più proteine. In questo modo anche il grado minimo di pericolo connesso alla vaccinazione è praticamente azzerato. I vaccini sono il nostro futuro, e rappresentano una speranza di futuro anche per combattere malattie già molto gravi, non solo di origine virale.

 

Iniziativa dedicata ai ragazzi ma aperta a tutti, ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria su www.motoproduzioni.eu

Nell'ambito di

LA SCIENZA CONTRO IL NEMICO INVISIBILE: Le malattie infettive
MOTOPRODUZIONI srl